Archive for the ‘Giochi’ Category

Gioco a premi

Friday, February 12th, 2010

Papi per farmi dormire mi canta la ninna nanna a sillabe, che fa

a-a-a a-a-a a-a-a eooo

Al posto delle a dice delle sillabe, che sono le iniziali di parole sullo stesso argomento.

Per esempio una volta mi ha cantato

val-val-val val-val-val val-val-val eooo

piem-piem-piem piem-piem-piem piem-piem-piem eoooo

lomb-lomb-lomb

e qui ho capito che parlava delle regioni d’Italia (val = val d’Aosta, piem = Piemonte, lomb = Lombardia…)

Ieri mi ha cantato

  1. id-id-id id-id-id id-id-id eoooo
  2. el-el-el el-el-el el-el-el eoooo
  3. lit-lit-lit lit-lit-lit lit-lit-lit eoooo
  4. ber-ber-ber ber-ber-ber ber-ber-ber eoooo
  5. bor-bor-bor bor-bor-bor bor-bor-bor eoooo
  6. car-car-car car-car-car car-car-car eoooo

mi sono addormentato sul ferro

L’astronauta

Saturday, February 6th, 2010

Lo ammetto: la cosa che mi piace di più del giocare con il papi è essere sballottato.

Il cammello, il cavallo, l’astronauta…

L’astronauta funziona così: il papi mi lancia in aria, poi mi riprende. Poi mi lancia e mi riprende. Poi mi lancia e mi riprende. Spero che mi riprenda sempre.

La nonna ci vede giocare così ed è talmente felice che ogni volta sviene dalla felicità.

Il N’intendo

Friday, February 5th, 2010

Mami è appassionata di n’intendo. Dice sempre “no n’intendo sentire ragioni”.

Il n’intendo è un coso di plastica nera, ha solo pochi bottoni, ma la mami ci gioca sempre.

Sembra divertentissimo, ma non trovo il bottone per accenderlo.

Papi dice che se cerchi su gug trovi tutto. Ma cos’è ‘sto gug? A me basta accendere il n’intendo!

Questo mese…

Monday, February 1st, 2010

Ogni tanto mami e papi mi vestono (papi mi veste e poi mami aggiunge un paio di strati).

Allora posso uscire. Fuori fa tanto freddo, siamo in Freddaio!

Ma quando esco vedo la laltalena smontata, senza il seggiolino.

Poi cammino un po’, mami ha freddo e allora decide che rientriamo perché altrimenti io ho freddo.

L’anno scorso Freddaio è finito e poi è venuto il caldo, chissà se anche quest’anno succede.

Odio Freddaio, ci si annoia.

Lo scherzo di Descter

Saturday, January 30th, 2010

Per chi non ci credesse, quando ho fatto lo scherzo al papi ero così:

descter

I colori a dita

Friday, January 29th, 2010

Il mio papi sta leggendo il libro di Descter, allora ho deciso di fargli uno scherzone.

Ho preso i colori a dita, anzi solo il colore rosso, e ho cominciato a pitturare la faccia di rosso.

Poi, siccome mi piaceva, ho pitturato il pavimento in perché di rosso, e qualche gamba di sedia, sempre di rosso.

Poi ho bussato alla porta del papi, lui ha aperto ed è svenuto.

La sinfonia n.1

Sunday, January 24th, 2010

Oggi ho messo in fila i giochi, ma non tutti, solo quelli che suonano.

Poi ho premuto più bottoni possibile, e ho composto la sinfonia n.1 per giochi da bambino.

Ho scoperto di avere anche un libro con una pianola attaccata.

Sul cammello

Thursday, December 10th, 2009

Ci sono poche parole di mami e papi che capisco.

Una di queste è “cammello”. Non capisco “Daniele” quando mi chiamano, non capisco “NOOO” quando afferro l’olio e lo agito per tutta la cucina, però “cammello” lo capisco.

Capisco che devo appoggiarmi sulla schiena del papi e tirare il colletto.

Allora lui mi prende per le chiappe e mi solleva, e poi mi porta in giro per la casa sulla schiena.

Non manca molto che anche lui avrà una gobba, credo.

620

Wednesday, December 9th, 2009

Questo è il numero più importante che mi devo ricordare.

Quando imparerò a usare il telecomando del televisore sarà l’unico canale visibile in casa.

620 620 620 620 620 620 620

Quello dei teletubbies, per intenderci.

Divano con sorpresa

Tuesday, December 8th, 2009

Ogni tanto il divano mi fa una sorpresa: da dietro compare la testa del papi.

Poi scompare e riappare un metro più in là.

Poi scompare e riappare un metro più in qua.

A me questa cosa mi fa spanciare dalle risate!